Arriva il cervellone contro le truffe telefoniche e bancarie

Arriva il cervellone contro le truffe telefoniche e bancarie

Finanziamenti e sim richieste da omonimi e truffatori: arriva la banca dati

Si stanno diffondendo, a macchia d’olio, le truffe ai danni dei cittadini commesse da soggetti che, falsificando i propri documenti, riescono a chiedere finanziamenti alle banche sotto falso nome, in questo modo addebitando le relative passività e sanzioni a persone del tutto ignare di tutto questo. Il malcapitato scopre così, casualmente (di norma quando deve chiedere un prestito al consumo o apre un nuovo conto corrente), di essere stato protestato, segnalato alla Crif o alla Centrale Rischi della Banca d’Italia o interdetto dall’uso degli assegni. Nella migliore delle ipotesi lo stesso problema si verifica in caso di omonimia tra due soggetti. La pratica, così, passa puntualmente a uno studio legale che si mette in contatto con le banche interessate per cercare di risolvere il problema. A breve, però, tutto questo potrebbe essere solo un ricordo. Sta infatti per essere resa operativa una banca dati istituita dal Ministero dell’Economia (e gestita da Consap) contro i cosiddetti furti d’identità. In pratica, ogni istituto di credito o qualsiasi altro intermediario finanziario dovrà, prima di concedere un mutuo, un credito al consumo o aprire un conto corrente, consultare il “maxi-cervellone” e verificare se il cliente che sta facendo la richiesta non abbia taroccato i propri dati e sia chi dice di essere. L’accesso alla banca dati sarà consentito anche alle società di telefonia onde scongiurare il pericolo di intestazioni di sim o di utenze fisse a truffatori. Il funzionamento del cervellone del Mef è abbastanza facile: l’intermediario pagherà la connessione con l’archivio e, una volta consultato, otterrà la risposta in tempi immediati. Verrà, in particolare, effettuata una verifica su passaporti, carte di identità e carte di credito. In realtà, la banca dati altro non è che l’accesso ad altre sei banche dati (tra le quali quella dell’Agenzia delle Entrate e dell’Inps) consentendo una verifica sulla veridicità del dato inserito. La creazione di tale strumento era stata già prevista da un decreto legislativo del 2011 , tuttavia i continui ritardi ne hanno impedito l’attuazione pratica. Oggi sembra invece che la situazione si sia sbloccata. Salvo imprevisti, il cervellone dovrebbe essere operativo entro la fine dell’anno.

La redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.