Progetto Home Care Premium a Martano

Progetto Home Care Premium a Martano

 

Parte il Progetto HOME CARE PREMIUM 2014 presso l’ambito sociale di Martano.

Parte il progetto INPS HOME CARE PREMIUM, con decorrenza 1° marzo – 30 novembre 2015, termine ultimo fissato per l’inoltro della domanda 31 marzo. Si tratta di un contributo premio per chi si prende cura delle persone non autosufficienti presso il domicilio di appartenenza, una forma di dignitosa sostenibilità. Alessandro Costantini presidente dell’Ambito di Martano promuove il progetto rivolto a 120 beneficiari del territorio sociale appartenente ai comuni di: Martano, Carpignano Salentino, Caprarica di Lecce, Castri di Lecce, Calimera, Martignano, Melendugno, Sternatia, Vernole, Zollino. Il progetto nasce da una iniziativa INPS Gestione Dipendenti Pubblici (ex INPDAP) che ha, tra i suoi scopi istituzionali, l’erogazione di prestazioni sociali in favore dei dipendenti e dei pensionati pubblici e dei loro familiari. Questi e altri progetti sono finanziati con il Fondo Credito e attività sociali, alimentato obbligatorio, dello 0,35 %, sulle retribuzioni del personale delle Pubbliche Amministrazioni, in servizio. Per cui uno dei parametri principali per poter accedere è quello di essere dipendenti e/o pensionati pubblici e/o familiari di primo grado. Le prestazioni si dividono in diversi filoni, il primo criterio è la valutazione in base alla dichiarazione I.S.E.E. del beneficiario, l’erogazione di contributi economici è finalizzata all’assunzione di un Assistente Familiare; vi sono comunque diversi servizi fra cui: Prestazione Assistenziale Integrativa,

Servizi professionali domiciliari: interventi integrativi e complementari svolti esclusivamente da operatori socio-sanitari ed Educatori professionali;

Servizi e strutture a carattere extra domiciliare;

Sollievo: interventi di sollievo domiciliare, diurno extra domiciliare e residenziale, per sostituzioni temporanee degli ordinari caregivers, svolti da assistenti familiari;

Trasferimento assistito: servizi di accompagnamento, trasporto o trasferimento assistito per specifici e particolari eventi (visite mediche, accesso al centro diurno, etc.);

Pasto: eventuale consegna (non la fornitura) di pasti a domicilio;

Supporti: eventuale fornitura ed installazione a domicilio di dotazioni e attrezzature (ausili) o strumenti tecnologici di domotica, non finanziati da altre leggi nazionali o regionali vigenti, per la mobilità e l’autonomia, per la gestione dell’ambiente domestico e delle comunicazioni;

Percorsi di integrazione scolastica: servizi di assistenza specialistica in favore di studenti con disabilità volti a favorire l’autonomia e la comunicazione così come identificati dall’art. 13, comma 3 della legge 104/1992.

Possono inoltrare le domande i coniugi e i familiari di primo grado non autosufficienti dei dipendenti e/o pensionati pubblici INPS ex Inpdap, se non hanno rapporti diretti con l’Istituto, prima di presentare la domanda, devono obbligatoriamente far richiesta di inserimento nell’apposita banca dati. La richiesta, tramite il modulo “Iscrizione in banca dati” scaricabile dal sito http://www.inps.it/(Sezione Gestione Dipendenti Pubblici > Sezione modulistica) va presentata alla Direzione Provinciale integrata INPS o alla Sede provinciale o territoriale INPS – Gestione Dipendenti Pubblici competente in relazione alla residenza del beneficiario, entro marzo 2015 recandosi direttamente alla sede provinciale INPS; o tramite mezzi informatici certificati, chiunque faccia domanda deve registrarsi alla banca dati dell’INPS, subito dopo presentare la domanda, in seguito una équipe progettuale prenderà in carico la pratica.

Maria De Giovanni

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.