XII SAGRA “MAGNALONGA” CON I “TAMBURELLISTI DI TORREPADULI”

XII SAGRA “MAGNALONGA” CON I “TAMBURELLISTI DI TORREPADULI”

Giunge alla sua dodicesima edizione la “Sagra della Magnalonga”, che anche quest’anno si svolge, domenica 9 Agosto a partire dalle ore 20.30, location di eccezione la caratteristica e suggestiva Masseria Mariglia, nota ai molti come Città della Domenica di Ruffano. Si tratta di una festa particolarmente attesa nel salento , che in questa circostanza rafforza valorizza le tipicità,  durantella serata si potranno degustare specialità salentine di ogni tipo, dai tradizionali piatti antichi a base di pomodori, peperoni e melanzane alle classiche orecchiette fatte in casa, dalle pittule fumanti ai sorprendenti “cecamariti”, dalla carne arrostita ai tipici pezzetti di cavallo e poi ancora frutta e dolci, innaffiati da vini locali di gran qualità. Il segno distintivo della Magnalonga è la cura per il recupero e per la sapiente reinvenzione della cucina tradizionale, una delle migliori della penisola. Per questo motivo è stato scelto il noto gruppo musicale dei Tamburellisti di Torrepaduli, vera e propria bandiera del processo di recupero e di sapiente reinvenzione delle tradizioni musicali del Salento. I Tamburellisti di Torrepaduli celebreranno la festa con alcuni pezzi preparati unicamente per la Magnalonga come il brano inedito “L’energia della terra”, realizzato per valorizzare il recupero dell’antico equilibrio armonico di Madre Terra, che l’uomo invece sta lentamente perdendo. Durante la festa Magnalonga i Tamburellisti presenteranno in anteprima il documentario “Tarantismo e Armonia”, prodotto da xplanetwebtv.it, con i testi di Pierpaolo De Giorgi, scritto e diretto dalla documentarista Antonella Caramia. Già autrice e regista di molti film documentario come “Megalithos Dolmen e Mehnir”. I Tamburellisti sono oggi musicisti di un’abilità e di una capacità artistica che lascia senza fiato. Basta osservare e ascoltare la calda voce di Pierpaolo De Giorgi, le melodie intriganti di Donato Nuzzo e Valentina Cariulo, le percussioni fortemente emozionanti di Gioele Nuzzo e Rocco Luca, la danza ineguagliabie di Serena D’Amato e Salvatore Crudo.      L’appuntamento è  da non perdere per il senso di autenticità di feste come la Magnalonga, che sono quelle cercate dai turisti, dagli esperti di cucina delle grandi guide italiane, dai giornalisti, dalla RAI E dalle televisioni straniere. La Magnalonga e i Tamburellisti di Torrepaduli sono una delle carte vincenti della grande partita culturale e turistica giocata dal Salento.

Maria  De GIOVANNI

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.